Vilma Galimberti

Dalla conferenza stampa tenutasi il 19 febbraio 2012

Vilma Galimberti

Vilma Galimberti - Candidato Sindaco

Cari concittadini,
È giunto il momento di impegnarsi per una nuova cultura politica. C’è una tentazione da evitare ossia quella di mettersi a sedere, aspettare e vedere come andrà a finire. Occorre superare divisioni antiche e nuove, proporre soluzioni eque e giuste che vadano oltre le alchimie dei partiti. Bisogna trovare il coraggio di lavorare per l’impegno sociale e politico, per la vera giustizia nella nostra cittadina. Un lavoro innanzitutto per le donne, i bambini e gli uomini ove conta la dignità personale, un’economia più solidale, una politica intesa come servizio.

La Brianza è diventata una succursale della corruzione e della ‘ndrangheta grazie a individui dai Penati ai Ponzoni che, per i propri interessi personali, hanno approfittato della buona fede della gente che credeva nei partiti.

Le sedi locali dei partiti istituzionali sono state riempite da individui inqualificabili, la feccia della società, incuranti di ogni senso etico, di ogni comportamento civile e sociale. Come si possono giustificare gli abusi compiuti impunemente e con arroganza? Come possiamo continuare a votare istituzioni vuote di significato e piene solo di interessi personali? È ora di svegliarsi, di allontanarsi dal conformismo, di avere il coraggio di dire: “non ci sto”. I politici dei partiti fanno pesare tutti gli oneri della crisi sui cittadini, costituendosi in una casta di privilegiati cui nulla è richiesto. Cittadini medesi, sarà inutile lamentarsi dopo di tutti gli obbrobri e gli orrori compiuti dall’amministrazione comunale se siete stati Voi a votarla!

Guardiamo positivo. Pensiamo a quanto si potrà fare per la nostra città: un centro vero, l’abbassamento della linea ferroviaria, la qualificazione ambientale, l’asilo nido pubblico. Progetti concreti, da compiere da parte dell’amministrazione senza ricevere interessi personali in cambio.

Quando ci proponemmo 5 anni fa, guidati da una persona la cui onestà e competenza sono ancora ricordate, volemmo essere un elemento di novità nel nostro Comune. Il fatto di esserci presentati in una lista comune al centrosinistra ha travisato la nostra identità di lista trasversale, non apolitica ma apartitica. Oggi vogliamo correre da soli. La nostra bandiera è l’onesta, la trasparenza, e la voglia di agire per il bene di Meda, in stretta collaborazione con tutti i cittadini Medesi, di qualsiasi estrazione e parte politica.

Sarà facile per qualcuno tacciarci di qualunquismo. Al contrario è qualunquista colui che vota un simbolo e non una proposta seria.

Cari concittadini, è ora di cambiare! Diamo un segno, alla Brianza e all’Italia, che i comuni cittadini non sono pecore, sono in grado di aggregarsi e di cambiare questa Italia che è stata resa fallimentare dai partiti.

W Meda, W i Medesi e votate Lista Civica “Con Buraschi per Meda”

Dott.ssa Vilma Galimberti

 


Vilma Galimberti e i suoi 4 figli (2007)
Vilma Galimberti e i suoi 4 figli (anno 2007)

Dalla conferenza stampa tenutasi il 29 marzo 2007

Sono Vilma Galimberti, medese, medico e madre di quattro figli.

Vorrei dire poche parole per spiegare sia la mia partecipazione alla vita politica, sia la nascita di questa lista, di cui sono capolista.

Sono cattolica e sono stata impegnata in diverse associazioni di volontariato e sportive medesi fin dalla giovane età.

Meda era la città del mobile, la città dello spirito di iniziativa e imprenditoriale dei piccoli artigiani, dei commercianti, degli architetti d’arte. Aveva un nome all’estero e in Italia, era il fulcro e il simbolo di una certa brianza produttiva.
Ora è stata trasformata nella città dormitorio per tristi pendolari verso Milano.

L’ottusità dell’amministrazione Asnaghi ha fatto sì che invece di riqualificare il centro, di risolvere i problemi di circolazione, di dare un impulso culturale alla città, di rivitalizzare le attività produttive pensasse soprattutto a fare una bieca opera di sviluppo di una edilizia di bassa qualità, con casermoni inutili e spesso edificati nello spregio delle norme civili.

Amo la mia città e voglio lavorare per essa. Con me altre persone, di diversa estrazione politica e culturale, hanno deciso di partire per una battaglia che ci aiuti a ridare dignità a Meda.
Abbiamo cercato tra i vari schieramenti, e abbiamo trovato varie risposte.

La nostra è una lista di persone libere, con varie posizioni, accomunate dal desiderio di lavorare per Meda.

I nostri obiettivi sono alcuni a breve termine, come la revisione di una circolazione caotica e pericolosa, o la promozione delle attività commerciali medesi. Altri a più ampio respiro, come la soluzione dei problemi legati alla Meda Servizi, o il nodo della ferrovia.

Meda non ha un teatro, una fervida vita culturale, un cinema, un luogo di ritrovo per le famiglie.
Una città però non è tale senza un centro, con i negozi, i bar, gli spazi pubblici che attirino i cittadini.

Meda può essere un gioiello della Brianza, abbiamo la capacità e le attività produttive per esserlo.
Bisogna però rimboccarsi le maniche e dare una ventata di onestà e pulizia.
Basta palazzinari, basta interessi personali o dei pochi soliti noti.

Questo è lo spirito che ha portato alla nascita della nostra lista, e questo è lo spirito che vorremmo i medesi sostenessero.

Dott.ssa Vilma Galimberti

Luigi Buraschi e Vilma Galimberti

Luigi Buraschi e Vilma Galimberti alla presentazione della Lista Civica - 29 marzo 2007